Privacy PolicyCookie Policy Giovedì 30 Giugno 2022 – 447ª Seduta pubblica – classicistranieri.org – L'informazione parlamentare

Giovedì 30 Giugno 2022 – 447ª Seduta pubblica

Giovedì 30 giugno 2022 alle ore 09:33

447ª Seduta pubblica

L’Assemblea ha approvato, con modifiche, il ddl 2481, delega al Governo per il recepimento delle direttive europee e l’attuazione di altri atti normativi dell’Unione europea – Legge di delegazione europea 2021. Il testo torna quindi alla Camera dei deputati. Approvata anche la proposta di risoluzione n. 2, presentata dai Gruppi di maggioranza, sui documenti (doc. LXXXVI n. 5) “Relazione programmatica sulla partecipazione dell’Italia all’Unione europea per l’anno 2022”, e (doc. LXXXVII n. 5) “Relazione consuntiva sulla partecipazione dell’Italia all’Unione europea relativa all’anno 2021”.

Nella seduta di ieri si è conclusa la votazione degli emendamenti e degli articoli.

Hanno dichiarato voto favorevole il sen. Cucca (IV-PSI) che ha ricordato in particolare le norme per agevolare le cartolarizzazioni e facilitare l’erogazione del credito e le misure in materia di giustizia per il coordinamento del contrasto alla criminalità organizzata. Il sen. Marcucci (PD) ha sottolineato che il Parlamento contribuisce alla costruzione delle norme europee; ha auspicato un allargamento dell’Unione ai Balcani occidentali; ha richiamato l’accordo di maggioranza che delega al Governo la definizione del tema delle concessioni balneari. La sen. De Petris (Misto-LeU) ha evidenziato che in alcuni settori la normativa europea è un motore propulsivo per la tutela dei diritti dei cittadini; ha apprezzato la norma sul benessere animale, rilevando però che in Italia entrerà in vigore solo nel 2026; ha sollecitato il Governo a una maggiore coerenza rispetto agli obiettivi di riduzione delle emissioni e di neutralità climatica. La sen. Giammanco (FIBP-UDC) ha posto l’accento sull’allargamento dell’Unione, sull’ordine del giorno per la valorizzazione delle risorse energetiche nazionali, sul piano di ristoro per la filiera agricola colpita dalla siccità, sulla deroga temporanea alla normativa sugli aiuti di Stato per sostenere l’occupazione nel Mezzogiorno, sul contrasto alla propaganda terroristica online. Il sen. Candiani (L-SP) ha richiamato l’ordine del giorno, presentato dal Gruppo, che impegna il Governo a porre termine alla prassi dei ritardati pagamenti della pubblica amministrazione; ha poi ricordato il lungo iter di approvazione della legge e gli squilibri che caratterizzano la normativa europea: in una fase di rischio di recessione economica, è doveroso impedire che l’adeguamento alle direttive comporti un aumento della disoccupazione e dell’instabilità sociale. Il sen. Lorefice (M5S), dopo aver ricordato che la siccità è conseguenza dei mutamenti climatici e che un terzo delle risorse idriche del Paese è disperso a causa di infrastrutture inadeguate, si è soffermato sull’emendamento approvato all’articolo 20, che fissa principi e criteri direttivi per il recepimento della direttiva sulla qualità delle acque destinate al consumo umano.

Hanno dichiarato voto contrario la sen. Granato (CAL), la quale ha ricordato che l’Europa attuale è un’entità sovranazionale eterodiretta, funzionale agli interessi di oligarchie finanziarie e contraria agli interessi dei popoli; la direttiva Bolkestein, ad esempio, favorisce grandi gruppi multinazionali, mentre l’identità digitale europea e i pagamenti elettronici sono strumenti di controllo sociale. Il sen. Fazzolari (FdI) ha espresso rammarico per il mancato chiarimento, in sede di legge europea, dell’esclusione delle concessioni di demanio pubblico dalla direttiva Bolkestein, che riguarda i servizi. Pandemia e guerra hanno mostrato la fragilità di un modello, funzionale all’economia tedesca, basato sull’approvvigionamento delle materie prime dalla Russia e l’impiego di manodopera a basso costo nell’Europa orientale. Il modello attuale di integrazione europea non sta funzionando: l’Unione dovrebbe occuparsi delle sfide che i singoli Stati non possono affrontare da soli, e conservare la sovranità nazionale sulle norme di prossimità. Il sen. Martelli (Misto-Italexit) ha rilevato che per ammissione degli stessi senatori di maggioranza (la legge europea misura la capacità di ottemperare a obblighi e serve ad evitare il costo di infrazioni) la legge europea è un atto di subalternità.

L’Assemblea ha approvato la proposta di promuovere conflitto di attribuzione tra poteri dello Stato innanzi alla Corte costituzionale con riguardo agli atti posti in essere nell’ambito del procedimento penale pendente dinanzi al Tribunale di Torino nei confronti dell’onorevole Stefano Esposito (doc. XVI, n. 10).

Il relatore, sen. Cucca (IV-PSI), ha spiegato che il giudice per le indagini preliminari ha violato la legge, perché non ha chiesto alla Camera di appartenenza, cui sarebbe spettata la valutazione del carattere di occasionalità, l’autorizzazione all’utilizzo di intercettazioni su utenze telefoniche di terzi, che sono state considerate fonte di prova per il rinvio a giudizio.

Hanno svolto dichiarazione di voto favorevole i sen. Balboni (FdI), Grasso (Misto-LeU) e Anna Rossomando (Pd). La sen. Gallicchio (M5S) ha dichiarato voto contrario: le intercettazioni riguardano comunicazioni fra l’ex sen. Esposito e un imprenditore torinese interdetto dagli appalti pubblici per infiltrazioni mafiose, indagato per corruzione e turbativa d’asta; il conflitto di attribuzione sospenderà il processo.

La Presidenza, tenuto conto del parere della Commissione bilancio, ha comunicato, ai sensi dell’articolo 126-bis, comma 2-bis, del Regolamento, che il ddl n. 2631 (Modifiche al codice della proprietà industriale), collegato alla manovra di finanza pubblica, non contiene disposizioni estranee al suo oggetto.

La Presidenza ha comunicato la costituzione di un nuovo Gruppo parlamentare denominato Insieme per il futuro- Centro democratico, presieduto dal sen. Di Nicola.

Nell’ambito dello svolgimento di interrogazioni a risposta immediata, il Ministro dell’interno Lamorgese ha risposto all’interrogazione della sen. Granato (CAL) sull’esercizio dell’azione disciplinare nei confronti di un agente di Polizia, rappresentante sindacale, che è stato sospeso dal servizio per l’espressione di opinioni sulla vaccinazione obbligatoria anti Covid: le dichiarazioni pubbliche dell’agente sono state ritenute lesive dell’onore del Presidente del Consiglio e in contrasto con il dovere di fedeltà alle istituzioni. L’interrogante si è dichiarata insoddisfatta. Il Ministro Lamorgese ha poi risposto all’interrogazione del sen. Balboni (FdI) sul recente incremento degli arrivi di immigrati irregolari: l’aumento degli arrivi è dovuto alla crisi alimentare conseguente al conflitto in Ucraina; nel mese di giugno a livello europeo è stato firmato un accordo, che prevede ricollocamenti e misure di potenziamento delle frontiere. L’interrogante ha replicato che la soluzione non consiste nell’aiutare gli sbarchi di immigrati economici, bensì nel bloccare le partenze. Il Ministro dell’interno ha risposto all’interrogazione della sen. Biti (Pd) sull’utilizzo di risorse del PNRR per la rigenerazione urbana anche nei comuni minori, e all’interrogazione del sen. Ruotolo (Misto-Leu) sulla recrudescenza criminale nell’area metropolitana di Napoli. Ha poi risposto all’interrogazione della sen. Toffanin (FIBP) sui recenti fatti violenti accaduti a Peschiera del Garda e sul loro legame con i flussi di immigrati irregolari; l’interrogante si è dichiarata non completamente soddisfatta. Il Ministro ha risposto infine all’interrogazione del sen. Iwobi (L-SP) sul fenomeno delle baraccopoli di immigrati, dando conto delle iniziative in atto per migliorare le condizioni dei lavoratori stagionali. L’interrogante, che ha visitato la tendopoli di San Ferdinando (Reggio Calabria), si è dichiarato profondamente insoddisfatto.

Il Ministro della giustizia Cartabia ha risposto all’interrogazione, illustrata dalla sen. Evangelista (IV-PSI), sulla gestione della banca dati contenente il materiale probatorio del processo relativo al crollo del ponte Morandi: la notizia di stampa è errata, il costo massimo per l’acquisizione di copia dell’intero materiale probatorio acquisito è pari a 7000 euro, non a 750.000 euro. L’interrogante si è dichiarata soddisfatta. Il Ministro della giustizia ha poi risposto all’interrogazione della sen. Grazia D’Angelo (M5S) sulla riforma dei procedimenti giudiziari in materia di diritti delle persone e delle famiglie: i decreti attuativi della delega dovranno essere adottati entro il 24 dicembre 2022; sono stati costituiti gruppi di lavoro e il Ministro si augura che i testi giungano in Consiglio dei Ministri entro qualche settimana; è stata inoltre verificata la necessità di ampliare la pianta organica per il funzionamento del Tribunale unico della famiglia.

senato.it – Video delle Sedute di AssembleaRead More

“L’utilizzo, la riproduzione, l’estrazione di copia, ovvero la distribuzione delle informazioni testuali e degli elementi multimediali disponibili sul sito del Senato è autorizzata esclusivamente nei limiti in cui la stessa avvenga nel rispetto dell’interesse pubblico all’informazione, della licenza di tipo Creative Commons CC-BY indicata, garantendo l’integrità degli elementi riprodotti e mediante indicazione della fonte.”

È fatto divieto di utilizzare, riprodurre o distribuire le suddette informazioni testuali e gli anzidetti elementi multimediali in contesti che possano pregiudicare l’immagine, il decoro e il prestigio dell’Istituzione parlamentare, ovvero ledere il diritto all’immagine, all’onore, al decoro e alla reputazione delle persone ivi fotografate, riprese o citate.

L’utilizzo, la riproduzione, l’estrazione di copia, ovvero la distribuzione di alcuni dati può essere soggetta, ove ricorrano i presupposti previsti dalla legge, a condizioni diverse, quali il consenso delle persone fotografate, riprese o citate.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *